Archivio Eventi

Archivio Storico degli eventi organizzati dalla Libreria dei Contrari...

Lia de Rossi (Daniela Rossi) presenta: "Poesie"

Sponsor evento
  • Sabato 28 aprile 2018 ore 17:00
    Sala dei Grassoni - Rocca di Vignola - MO

Lia de Rossi (Daniela Rossi) presenta:
"Poesie"
Ed. Albatros

Presentazione dell'opera all'interno del programma della "Festa dei Ciliegi in fiore".

Dialoga con l'autrice Nadia Pedrazzi
Augusto Bonaiuti leggerà alcune poesie
Al termine dell apresentazion , buffet.

Le poesie di Lia De Rossi sono l’espressione della sua essenza più profonda ed autentica, riscattata dalle sofferenze passate che pure hanno favorito rifflessioni sull’esistenza.

Attraverso le sue poesie, l’autrice ritrova la sua piena dignità umana, la sua integrità personale, raggiunge un’espressione del suo io; libera dai vincoli ristretti della quotidianità, si crea un piccolo giardino “privato” in cui ritrovare tutte le proprie emozioni e crearne di nuove.

Al tempo stesso, però, si propone come testimone verso il mondo del valore della poesia e del suo potere taumaturgico.

Virginia Muratori presenta: "Storie. Più o meno di tutti"

Sponsor evento
  • Sabato 12 maggio 2018 ore 17:00
    Cortile interno Biblioteca "Francesco Selmi" - Auris di Vignola MO

Virginia Muratori presenta:
"Storie. Più o meno di tutti"
Ed. Altromondo

Dialoga con la giovane autrice Serena Fregni, della Gazzetta di Modena.

A fine incontro uno sfizioso Aperitivo Insieme.

…sono storie da leggere in fretta, senza immergervisi troppo però, perché poi ci si ritrova un pezzetto di sé in ognuna. Sono storie facili e storie difficili, storie di padri, non storie di madri, storie di relazioni, quasi tutte instabili, alcune corte, per la maggior parte, altre dense e, certe altre, un po’ meno piene...

Virginia Muratori, mai stata scrittrice, se non per se stessa. Nata nel vicinissimo Novantadue e cresciuta in una cittadina di provincia dell’Emilia, Vignola, famosa per le ciliegie e un sacco di altre cose. Si definisce una viaggiatrice. Non nell’effettivo senso del termine ma nella sua declinazione più surreale. Una sognatrice, forse, sarebbe il termine adatto. 


Vincenzo Imperatore presenta: "Sacco bancario"


Vincenzo Imperatore presenta:
"Sacco Bancario"
Ed. Chiarelettere

Il grande imbroglio nel racconto di manager, gole profonde e risparmiatori truffati.

Dialoga con l'autore Pierluigi Senatore (giornalista, direttore relazioni esterne di Radio Bruno) e Luigi Zini.

Il libro vede la collaborazione del presidente di Banca Etica Ugo Biggeri e la prefazione di Marco Travaglio. Imperatore parla delle storture del sistema bancario e finanziario, raccontando dall’interno il sacco bancario che stanno scontando e pagando i cittadini e i risparmiatori dopo gli scandali del Monte dei Paschi di Siena, di Banca Etruria, Veneto Banca e Popolare di Vicenza. Scandali e tracolli finanziari sono raccontati attraverso le testimonianze inedite di risparmiatori truffati e descrivono un sistema perverso che si poggia su logiche clientelari e su uno stretto intreccio tra politica, finanza e interessi personali. La collaborazione di Ugo Biggeri e l’esperienza di Banca Etica nel libro testimoniano un cambiamento possibile nel settore bancario in cui tradizionalmente gli interessi particolari superano il valore comune e l’utilità collettiva: la finanza etica è una sfida alla logica della finanziarizzazione e della massimizzazione dei profitti individuali.

VINCENZO IMPERATORE, laureato con il massimo dei voti in Economia e Commercio, dopo un master in Business Administration a Roma è stato quadro direttivo addetto alla gestione delle risorse umane, poi direttore di filiale, direttore Centro piccole e medie imprese e direttore di area nelle piazze più importanti del Meridione. Nel 2012 sceglie la strada della libera professione e fonda InMind Consulting, società di consulenza aziendale che ha tra le altre attività assiste i propri clienti nelle ristrutturazioni dei debiti bancari.

 

Antonio Ferrari presenta: "Il segreto"

Sponsor evento

Antonio Ferrari presenta:
"Il segreto"
Ed. Chiarelettere

"...il romanzo verità sull'Italia dei giorni del rapimento Moro..."

Dialoga con l'autore Pierluigi Senatore, giornalista, direttore relazioni esterne di Radio Bruno

 Quando si dice la verità non bisogna dolersi di averla detta. La verità è sempre illuminante. Ci aiuta a essere coraggiosi” Aldo Moro

Marzo 1978: l’Italia si trova al centro di uno dei più grossi complotti internazionali del dopoguerra. Il romanzo sul rapimento Moro che per 35 anni nessuno ha voluto pubblicare. Troppo vero e troppo imbarazzante. Per tutti.

Tutto ha inizio al “Marriott hotel” di Washington. Nessuno dei convocati sa qual è veramente la posta in gioco e il ruolo che ciascuno di loro avrà nel più grosso complotto internazionale degli ultimi decenni. Non lo sa nemmeno Ron J. Stewart, agente segreto americano, pronto a tutto, una vita segnata da missioni impossibili. Ma questa che sta per essergli affidata è la più mefitica e delicata in assoluto.

In gioco c’è il futuro politico dell’Italia e i rapporti tra Stati Uniti e Unione Sovietica. Fermare l’entrata al governo del PCI usando qualsiasi mezzo, anche le Brigate rosse: questo l’obiettivo. Tra Praga, Parigi, la Berlino attraversata dal Muro, Milano, Genova, in accordo con altri agenti segreti dell’Est e dell’Ovest, al di fuori dei canali ufficiali, Stewart dovrà infiltrarsi e aiutare i terroristi nella loro azione eversiva e destabilizzante.

A farne le spese, l’uomo politico italiano più famoso. Un agente segreto francese, scoprendo la trama che si stava tessendo, cercherà invano di salvare il leader democristiano. Invano, perché “lui” doveva morire. Commissionato a Ferrari con non poche pressioni dal “Corriere della Sera” devastato dallo scandalo P2, tenuto nel cassetto per anni, questo romanzo avvincente e coraggioso anticipava quanto poi in parte confermato da nuove testimonianze e dalle commissioni d’indagine sul delitto Moro.

Un vero caso editoriale. “Tanti ‘dettagli’ che sembravano indimostrabili e figli della dietrologia – sostiene oggi l’autore – purtroppo o per fortuna si sono dimostrati veri. Fu davvero un orrendo complotto, che oggi non fa più paura raccontare, o forse ne fa molta meno”.

Antonio Ferrari, modenese, è al “Corriere della Sera” dal 1973: prima come inviato speciale, e ora come editorialista e commentatore. Negli anni Settanta e nei primi anni Ottanta si è occupato di terrorismo nero e rosso, in particolare modo delle Br. Amico di Walter Tobagi, suo collega di tante missioni in giro per l’Italia, nel 1980 ammazzato dai terroristi, è stato più volte minacciato. Per oltre due anni ha vissuto con la scorta, quindi è stato spostato agli esteri, come inviato, in particolare nel Medio Oriente, nel Nord Africa e nei Balcani. Sue le corrispondenze da numerosi fronti di guerra. Ha intervistato quasi tutti i leader dell’area. È autore di diversi libri: “Morte di un generale” (con altri autori, tra cui Giorgio Bocca, Camilla Cederna, Corrado Stajano, Marcello Sorgi, Mondadori 1982); “Sami, una storia libanese” (Liberal libri 2001); “Islam sì, Islam no. Le colpe dei musulmani e le nostre” (Le Lettere 2006);“7 aprile” (Cleup 2009); “Sgretolamento. Voci senza filtro” (Jaca Book 2013) e “Altalena” (Jaca Book 2014). “Il segreto” è il suo unico romanzo. Ferrari scrisse quello che sapeva ma che non poteva essere detto, mancando tutte le prove. Il resto l’aveva intuito. Fu così che nessuno glielo pubblicò. Non solo: ci fu anche chi si adoperò in tutti i modi perché il libro rimanesse segreto.

I giovani, che in quegli anni non c’erano, scopriranno che cos’era l’Italia di allora, il terrorismo, la rabbia di chi si sentiva escluso, le aspre battaglie politiche, le maldicenze, la paura. Gli altri troveranno qualche risposta alle tante domande che già allora ci eravamo posti” Antonio Ferrari.

Roberto Alperoli, Alberto Bertoni, Emilio Rentocchini presentano: "Come cani alla catena"

  • Sabato 25 novembre 2017 ore 17:00
    Sala dei Grassoni - Rocca di Vignola - Vignola MO


Roberto Alperoli, Alberto Bertoni, Emilio Rentocchini
presentano
"Come cani alla catena"
Ed. Incontri

- Introduce Claudia Baracchi
- Interventi musicali di Marco Dieci

 

Tre amici, tre poeti, uniti dal grande tema della memoria - tra diario, prosa e versi - alla catena del tempo che fugge e ritorna...

Rieccoli, eccoli di nuovo qui i tre poeti di Recordare. Per nessuno dei tre ricordare è un imperativo, per tutti e tre è una necessità e rimanda al rapporto intimo e profondo con il tempo, con il passato e con un presente che di quel passato ancora si nutre.
(Marco Santagata).



Roberto Alperoli: nato a Fabbrico (RE) nel 1955, è stato sindaco di Castelnuovo e assessore alla Cultura di Modena. Ideatore e direttore del "Poesia Festival" delle Terre dei Castelli, ha pubblicato: La vita accanto (2003), Le minime eternità (2008), insieme a Alberto Bertoni e Emilio Rentocchini Recordare (2011), Il cielo di oggi (2014) tutti pubblicati da Incontri Editrice.

Alberto Bertoni: nato a Modena nel 1955, è autore – in poesia - dei libri Lettere stagionali (1996, nota di Giovanni Giudici); Tatì (1999, omaggio in versi di Gianni D’Elia); Il catalogo è questo. Poesie 1978-2000 (2000, intervento di Roberto Barbolini); Le cose dopo (2003, postfazione di Andrea Battistini); Ho visto perdere Varenne (2006, prefazione di Niva Lorenzini); Ricordi di Alzheimer (2008, con una lettera in versi pavanesi di Francesco Guccini, e 2012); Il letto vuoto (2012) e Traversate (2014, prefazione di Paolo Valesio). Suoi testi sono stati tradotti in inglese, francese, russo e ceco, mentre in spagnolo ha pubblicato l’antologia El guardián del lugar (2012, con un saggio di Pier Damiano Ori).

Emilio Rentocchini: nato a Sassuolo nel 1949, ha pubblicato tra l'altro Ottave (Garzanti 2001), Giorni in prova (Donzelli 2005), Del perfetto amore (Donzelli 2008), In un futuro aprile (Incontri 2009), Recordare, con R. Alperoli e A. Bertoni, (Incontri 2011), Ovviare alla bellezza (Aliberti 2012), Stanze di confine (Il Fiorino 2014), Lingua madre (Incontri 2016). Daria Menozzi gli ha dedicato il documentario Giorni in prova. Emilio Rentocchini poeta a Sassuolo (Vivo Film 2006).