Archivio Eventi

Archivio Storico degli eventi organizzati dalla Libreria dei Contrari...

Michele Farina presenta: "Quando andiamo a casa?"

sponsor evento
  • Sabato 30 aprile ore 15:30
    Giardino della Casa Residenza per Anziani - via Libertà 871 - Vignola MO

Un evento promosso da "Per non sentirsi soli ONLUS" e dai familiari che frequentano Sorrisi e Caffè.

Michele Farina presenta:
"Quando andiamo a casa?"
Ed. BUR Rizzoli.

Dialoga con l'autore l'attrice e regista Rosamaria Maino.

Michele Farina ha visto sua madre allontanarsi pian piano, inabissarsi fino a divenire quasi irraggiungibile. L’Alzheimer l’ha svuotata “con il cucchiaino dell’uovo alla coque”, portandola via un po’ alla volta ben prima del suo ultimo giorno. Come trovare un senso a un’esperienza del genere? Come superarla? Dopo dieci anni di silenzio, Farina ha deciso di farlo ripercorrendo – grazie al lavoro di giornalista – la propria storia in quella di altri, andando a cercare sua mamma negli occhi di malati sconosciuti. Ne è nata un’inchiesta unica nel suo genere, che descrive l’Italia dell’Alzheimer attraverso le vicende di pazienti, famiglie, operatori, ricercatori, strutture, associazioni. 
C’è Anna Maria, convinta di trovarsi nella casa di cura per inaugurare un nuovo negozio. C’è Emilio, che dopo quarantatré anni di matrimonio chiede alla moglie Elisa quando si sposeranno. C’è chi si è visto ridurre il vocabolario a due sole parole e chi invece ha una gran voglia di aprirsi e raccontare. Esperienze diverse, che disegnano però un percorso unitario. Il viaggio nel mondo di una patologia sempre più diffusa, complice l’allungarsi della vita, eppure “nascosta”: vissuta come un tabù, con dolore e vergogna, spesso nell’isolamento. Perché l’Alzheimer sembra restare fuori anche dai radar delle istituzioni: il morbo dell’oblio dimenticato dalla società, e per cui ancora non esiste una cura.
Il risultato è un libro al tempo stesso potente e delicato, scritto con la grazia appassionata
 e ricca di empatia di chi ha combattuto da vicino questa piaga troppo a lungo ignorata.

Michele Farina: (1964) scrive da vent'anni per il "Corriere della Sera", dove lavora alla redazione Esteri. Questo è il suo primo libro.

 

Progetto ACE 2016 - "Come leggere una diagnosi"

sponsor evento

Incontro per Genitori, Insegnanti, Educatori
"Come leggere una diagnosi"
A cura di Alessia Rapino, Psicologa e Gabriella Saladini, Logopedista.

Nell’incontro verranno forniti gli strumenti di base per comprendere una diagnosi

Alessia Rapino, Psicologa psicoterapeuta con orientamento sistemico- Relazionale. Perfezionata sui disturbi dell'apprendimento, ha maturato pluriennale esperienza nella valutazione neuropsicologica, maturata anche attraverso ripetuti incarichi libero-professionali presso il servizio NPIA di Modena.

Gabriella Saladini, logopedista con master in rieducazione logopedica della sordità infantile, scuola di alta formazione sui disturbi della matematica e del problem solving, formatrice per logopedisti ed insegnanti della materna, della primaria e della secondaria sui problemi di linguaggio e disturbi di apprendimento dei monolingui e dei bilingui, docente universitaria corso di laurea Logopedia UNIMORE.

Ingresso Libero

Convegno: "prevenzione patologie orali e corretta alimentazione"

  • Giovedì 21 aprile ore 20:30
    Sala dei Grassoni - Rocca di Vignola - Vignola MO
evento odontoiatria

Progetto ACE 2016 - "Strumenti compensativi, tecnologie compensative, competenze compensative"

sponsor evento

Incontro per Genitori, Insegnanti, Educatori
"Strumenti compensativi, tecnologie compensative, competenze compensative"
A cura di Giulietta Bernabei Formatrice Ace e Tutor dell'apprendimento e Michela Vandelli, Esperta di strumenti informatici e Consulente Genitori.

Introduce Adele Baldi

"Non è passato un secolo dai miei tempi, ma molti secoli. La tecnologia di oggi era impensabile cinquanta-sessant'anni fa. Ma la tecnica da sola non basta, serve una visione più ampia” ( Rita Levi Montalcini )

Un incontro a due voci per ragionare insieme sulle diverse opportunità offerte dagli strumenti compensativi, a bassa ed alta tecnologia, e sulla necessità di individuare la strada per percepirsi competenti pur nella fatica e difficoltà date dall’avere un disturbo specifico dell’apprendimento L’elenco dei possibili strumenti compensativi è ampio, e sono necessarie adeguate osservazioni e riflessioni per individuare quelli opportuni per ognuno, soprattutto in considerazione del fatto che obiettivo dell'età evolutiva sono i progressi.
La tecnologia oggi ha un ruolo importante nelle vite di tutti noi, anche nelle vite dei nostri ragazzi ed anche a scuola, ma nessuno strumento compensativo ne tecnologico deve sostituire la risorsa più importante che abbiamo : il nostro cervello! Una visione equilibrata su come usare uno strumento tecnologico come appoggio scolastico nei ragazzi con DSA e difficoltà scolastiche, senza sostituirsi alle abilità di base e solo quando è utile .Come sceglierlo tra quelli gratuiti, come utilizzarlo e cosa fare invece con i bambini più piccoli: Perchè “compensare” è anche potenziare abilità.

Giulietta Bernabei, Formatrice con perfezionamento Tutor dell’apprendimento, Scuola di alta formazione sui disturbi della lettoscrittura, della matematica e del problem solving, Applicatrice del Metodo Feuerstein. Realizza interventi personalizzati di metodo di studio, abilitazione e potenziamento per studenti anche con DSA e Bisogni Educativi Speciali. Teacher in Philosophy For Children, socia fondatrice di ACE - Associazione Comunità Educante, per la quale organizza incontri di approfondimento su tematiche psico-pedagogiche

Michela Vandelli, Esperta di strumenti informatici per DSA, Consulente Genitori

Ingresso Libero